22 febbraio 2017 – L’innovazione nelle rinnovabili esiste anche in Italia

“…E mentre gli organismi statutari decidono le regole del Congresso, io sono in partenza per qualche giorno per gli Stati Uniti. Vi racconterò dal blog il mio diario di bordo dalla California dove incontreremo alcune realtà molto interessanti. Soprattutto nel campo del fotovoltaico, un settore dove si incrociano innovazione, sviluppo e ambiente…”  questo è quanto scrive l’ex Premier Matteo Renzi il 21 febbraio sul suo blog personale.

Ci dispiace constatare come per incontrare realtà interessanti e innovative nel campo delle energie rinnovabili l’ex Premier debba andare fino in California. Vorremmo solo ricordare come una tecnologia all’avanguardia e innovativa, nata e sviluppata in Italia, come quella solare termodinamica meriti altrettanta attenzione. Una tecnologia, quella a sali fusi in particolare, con una filiera tutta italiana che, se supportata in maniera adeguata, potrebbe essere in grado di creare posti di lavoro, affermarsi a livello internazionale e contribuire a consolidare un primato italiano nel settore delle energie rinnovabili.

Auspichiamo quindi che sia l’ex-Premier sia coloro che hanno a cuore lo sviluppo sostenibile del Paese possano guardare in futuro a quanto è in grado di produrre le ricerca e l’industria italiana in termini di innovazione.